Prezzo d’oro per ‚Soffrire‘ a spese di Bitcoin, dicono gli strateghi di JPMorgan

IN BREVE

  • Il prezzo dell’oro sembra destinato a soffrire a spese di Bitcoin, secondo gli strateghi di JPMorgan.
  • Gli afflussi nei fondi cripto e i deflussi dall’oro suggeriscono uno spostamento del sentiment degli investitori verso la classe di attività emergenti.
  • JPMorgan è l’ultimo di una serie di importanti istituzioni finanziarie che sta diventando rialzista su BTC.

Gli strateghi di JPMorgan Chase & Co. ritengono che il bitcoin continuerà ad alimentare il mercato dell’oro nei prossimi anni.

L’aumento dell’interesse per i fondi di cripto-valuta sembra arrivare a scapito del metallo prezioso.

Gli investitori scelgono sempre più spesso il bitcoin rispetto all’oro

I recenti guadagni dei prezzi criptati sembrano essere dovuti alla diversificazione dell’oro. Gli strateghi di JPMorgan Chase & Co. ritengono che la tendenza potrebbe continuare con la crescita dell’interesse per la classe di attività emergenti.

Avendo servito come forma di denaro per migliaia di anni, l’oro è già un bene consolidato. Al contrario, gli investitori istituzionali si stanno appena svegliando con il denaro digitale, ala crypto.

Citato da Bloomberg, gli strateghi di JPMorgan hanno scritto che l’adozione di BTC da parte delle istituzioni „è appena iniziata“. La banca d’investimento ha calcolato che i family office attualmente detengono solo lo 0,18% del loro patrimonio in crypto.

Nel frattempo, gli ETF oro rappresentano il 3,3% delle allocazioni dei family office. Se la tendenza dall’oro al bitcoin continua, sembra esserci molto spazio per la crescita di BTC, dato che il metallo giallo presumibilmente non è favorevole.

La banca ha notato che gli investitori hanno impegnato più di 2 miliardi di dollari nel Grayscale Bitcoin Trust da ottobre. Per contro, circa 7 miliardi di dollari hanno lasciato gli ETF d’oro nello stesso periodo.

Tuttavia, gli strateghi hanno anche notato che il mercato della crittovaluta potrebbe aver esaurito il suo slancio nel breve termine. Al contrario, i prezzi dell’oro depressi sembrano destinati a riprendersi in qualche modo.

La narrazione digitale dell’oro continua a raccogliere il vapore

Quest’anno ha visto diverse istituzioni finanziarie influenti affezionarsi alla Bitcoin come parte legittima di un portafoglio. Oltre alla svolta di JPMorgan su BTC, Black Rock, Deutsche Bank, Goldman Sachs e Citibank hanno tutti espresso diversi gradi di interesse per la valuta digitale.

Molti di questi ultimi convertiti ritengono che il bitcoin, con la sua offerta finita, rappresenti un equivalente in oro digitale. La scarsità del bene tradizionale è ciò che rende l’oro attraente come una copertura di rifugio sicuro.

Questi beni di rifugio sicuro tradizionalmente vanno bene in tempi di stress economico. Le misure fiscali introdotte sulla scia della pandemia del coronavirus hanno scosso la fiducia nelle monete fiat, incoraggiando gli investimenti in forme di denaro più dure.

Il contesto macroeconomico sembra già essere stato vantaggioso per entrambi gli asset. Nonostante i recenti cali, l’oro e il bitcoin sono aumentati di oltre il 21% e il 155%, rispettivamente, su base annua.